Shopping cart
€0,00

La sicurezza sul lavoro

sicurezza sul lavoro

Cosa si intende per sicurezza sul lavoro? Tutto quello che c’è da sapere per essere in regola

La sicurezza sul lavoro: una questioni di obblighi e responsabilità di più soggetti per tutelare la salute dei lavoratori

la Sicurezza sul lavoro: leggi, ruoli e corsiLa sicurezza sul lavoro ovvero nei luoghi si svolgono le attività lavorative è definita come “La condizione per la quale tutti coloro che lavorano possono svolgere la propria attività lavorativa in sicurezza, senza essere esposti a rischio di incidenti o malattie professionali”. L’obiettivo delle norme che la regolano è quindi chiaro: evitare o ridurre al minimo l’esposizione dei lavoratori ai rischi insiti all’attività lavorativa svolta per poter evitare infortuni o incidenti o, peggio.

I lavoratori non sono soltanto i soggetti tutelati dalle norme sulla sicurezza sul lavoro. Essi sono anche e soprattutto attori attivi. Ogni lavoratore deve essere infatti consapevole delle condizioni del proprio ambiente di lavoro, dell’utilizzo dei dispositivi di sicurezza oltre ad essere partecipe alla valutazione dei rischi e nella prevenzione. I lavoratori devono in poche parole adottare un comportamento consono alla struttura in cui si trovano o alla mansione loro affidata.

Il luogo di lavoro deve inoltre essere dotato di tutti gli accorgimenti e strumenti necessari a ridurre i rischi. Questi accorgimenti comprendono anche l’attività adeguata di prevenzione dei rischi precedentemente valutati con il DVR (Documento Valutazione Rischi).

Nonostante questo riteniamo che sia fondamentale che la salute e la sicurezza sul lavoro vadano perseguite tramite una cultura della prevenzione. Questa viene creata solo e soltanto tramite la formazione, obbligatoria, e l’informazione.

Sicurezza sul Lavoro Corsi banner
Sicurezza sul Lavoro >>> Corsi

Le regole in merito alla sicurezza sul lavoro: il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro

Le regole in merito alla sicurezza sul lavoro e gli obblighi per lavoratori e aziende sono disciplinati dal Decreto Legislativo 81/2008, meglio conosciuto come Testo Unico della sicurezza sul lavoro. Questo contiene tutte le procedure e le misure da adottare al fine di garantire la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro ed è stato oggetto di una costante evoluzione, alla quale hanno contribuito sia gli apporti di diverse e variegate fonti, sia gli sviluppi giurisprudenziali.

Il graduale e continuo accrescimento delle tutele ha avuto come risultato quello di una protezione che ormai comprende non solo la dimensione della tutela della salute fisica del lavoratore, ma anche diversi ed ulteriori aspetti che riguardano la sfera psichica e i valori della persona. E’ anche per questi propositi che è stata istituita la la visita medica del lavoro tenuta da un medico competente individuato dall’azienda. La legge ha avuto come obiettivo quello di stabilire regole, procedure e misure preventive da adottare per rendere più sicuri i luoghi di lavoro, quali essi siano.

accordo stato regioni 2016 sIl nuovo accordo del 2016

L’“Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano finalizzato all’individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per i Responsabili e gli Addetti dei Servizi di Prevenzione e Protezione, ai sensi dell’art. 32 del D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii.” è stato approvato nella seduta del 7 luglio 2016 della Conferenza Stato-Regioni con Repertorio Atti n. 128/CSR ed è entrato in vigore il 3/9/2016.

L’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016 nasce con l’obiettivo di riallineare la normativa relativa alla formazione degli RSPP e ASPP al cosiddetto “Testo Unico della Sicurezza sul lavoro” D. Lgs. 81/2008, ai successivi Accordi Stato-Regioni sulla formazione in materia di sicurezza e al Decreto del 6 marzo 2013, riguardante i criteri di qualificazione del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.

La necessità di tale aggiornamento era sentita da tempo: dall’agosto 2014 infatti la Commissione Consultiva Permanente aveva iniziato la redazione del testo di aggiornamento dell’Accordo, in conformità alle disposizioni normative vigenti emanate o modificate successivamente al 2006 e tenendo conto dei risultati ottenuti dopo il periodo di sperimentazione.

L’Accordo Stato Regioni del 7/7/2016 apporta modifiche principalmente al percorso formativo per Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP e ASPP), ma anche ai requisiti del docente formatore per la sicurezza sul lavoro, alla possibilità dell’impiego dell’e-learning per la specifica formazione, quindi dei corsi sicurezza online, al riconoscimento della formazione del medico competente, alla formazione dei lavoratori somministrati.

regole per rispettare le norme sulla sicurezzaDivulgazione della cultura sulla sicurezza

Numerose istituzioni pubbliche e private come il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’ INAIL e molte altre, realizzano numerose iniziative per la divulgazione della cultura della sicurezza.

Nella formulazione del testo unico sulla sicurezza è stato infatti stabilito l’obiettivo primario di creare una generazione di lavoratori che siano consapevoli dei rischi ai quali si può essere esposti sul luogo di lavoro oltre che ad essere responsabili dei comportamenti che si devono tenere negli ambienti di lavoro.

In particolare, sono fondamentali le attività formative (informazione e addestramento) rivolte ai lavoratori, nonché alle diverse figure interessate dalla materia della sicurezza e prevenzione sul luogo di lavoro.

Formazione obbligatoria lavoroFormazione obbligatoria dei lavoratori

La vigente normativa in materia di sicurezza sul lavoro prevede che il Datore di lavoro assicuri, e che pertanto sia a carico dello stesso, ad ogni lavoratore la possibilità di ricevere una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza che, obbligatoriamente, deve essere effettuata contestualmente all’assunzione o comunque completata entro 60 giorni.

Il D. Lgs. 81/2008 definisce il lavoratore, cioè il soggetto che deve beneficiare della formazione obbligatoria: “persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa, nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari”.

Corsi sulla sicurezza sul lavoro

elearning - corsiCome avrai intuito quindi questa materia non è affatto semplice. Per rendere tutto più facile abbiamo organizzato dei corsi sicurezza online fruibili in qualsiasi momento della giornata ed una serie di altri corsi di sicurezza sul lavoro che sono in video conferenza relativi alle varie esigenze emerse in modo che perle aziende e per i lavoratori con incarichi speciali sia più facile mettersi in regola con legge che regola questa materia. Qui di seguito trovi un elenco dei corsi che troverai all’interno di corsisicurezzalavoroweb.it:

 

Scopri tutti i i nostri corsi per i lavoratori qui!

Corsi RSPP Datore di lavoro e rispettivi aggiornamenti

Non sono solo i lavoratori a dover frequentare dei corsi sulla sicurezza sul lavoro ma anche i datori di lavoro, specie quando ricoprono l’incarico di RSPP.

Il datore di lavoro che intende svolgere i compiti di Rspp deve frequentare corso specifico, di durata minima di 16 ore e massima di 48 ore. Il corso dovrà essere adeguato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. I contenuti e le articolazioni dei corsi sono stati definiti dall’Accordo Stato-Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, rinnovato il 7 luglio 2016.

Percorsi formativi e livelli di rischio

Corso RSPP datori di lavoroI percorsi formativi sono in funzione dei rischi riferiti alle mansioni caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda. I contenuti e la durata dei corsi sono subordinati all’esito della valutazione dei rischi e articolati in moduli associati a tre differenti livelli di rischio, individuati in corrispondenza dei codici Ateco (ATtività ECOnomica) attribuiti all’azienda dalla Camera di Commercio.

Secondo questa classificazione, ad esempio, appartengono ad un livello di rischio basso le aziende del settore servizi, pulizie, commercio, studi professionali, ambulanti, artigianato e turismo; al rischio medio le aziende dei settori agricoltura, pesca, pubbliche amministrazioni, trasporti e magazzinaggio; al rischio alto le industrie edili, alimentari, tessili, metalmeccanica, manifatturiere (come pelletterie), chimiche, le raffinerie, le aziende che si occupano della gestione dei rifiuti, del compartimento sanità e dei servizi residenziali, dello spettacolo, grandi eventi e altri.

Ai livelli di rischio corrisponde la durata dei corsi di formazione:

 


Per maggiori informazioni contattaci –> CONTATTI
Se vuoi seguire tutte le novità metti “Mi Piace” –> FACEBOOK

Approfondimenti
Pagina precedente
Tutto sul Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RLS
Pagina successiva
La formazione antincendio
error: Il contenuto è protetto !!