Shopping cart
€0,00

Come valutare un rischio sicurezza

Come valutare un rischio sicurezza

Come valutare un rischio sicurezza in azienda?

Approfondiamo questo tema perché più volte ci hanno chiesto quali sono i rischi ai quali si può incorrere:

#1 Tipologie di rischio
#2 Quali sono i lavoratori esposti
#3 Prevenire è meglio che curare
#4 Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)
#5 La formazione continua

  • Tipologie di rischio

All’interno di un’azienda i rischi connessi all’attività lavorativa sono molteplici e dipendono sia dal prodotto/servizio trattato, sia dalla mansione che ognuno svolge all’interno.

Volendoli classificare per tipologia però possiamo dire che un’azienda presenta dei rischi generali, rischi specifici e rischi di emergenza. Ognuno di questi rischi deve essere affrontato con delle misure cautelative preventive (ne parleremo dopo).

Volendo determinare come valutare un rischio sicurezza, diventa primario quindi comprendere a quale categoria appartengono i nostri lavoratori

Come valutare un rischio sicurezzaAlla prima categoria (rischi generali) fanno parte tutti quei rischi che comportano pericoli trasversali o non inquadrabili all’interno di una specifica categoria di rischio. Tali rischi possono essere incorsi da chiunque lavora all’interno dell’azienda a prescindere dalla mansione svolta.

Nella categoria rischi specifici inseriamo invece quelli specifici di alcune mansioni svolte da una o più persone. Pensiamo ad esempio agli addetti ai ponteggi, coloro che devono smontare e montare queste particolari strutture metalliche nelle nelle costruzioni e che per questo, prima di poterlo fare, devono affrontare un corso per addetto ponteggi specifico.

I rischi di emergenza sono quelli che potrebbero verificarsi all’occorrenza di un fatto particolarmente pericoloso e, fortunatamente, estremamente raro. Questi rischi si corrono in caso di situazione non prevedibile e/o catastrofica (esempio crolli, incendi, scoppi, ecc…). E proprio per prevenire queste tipologie di casi che esiste un corso rspp rischio alto apposito.

Il primo compito quindi di un’azienda e dei suoi responsabili è quello di fare un preciso screening di queste tipologie di rischio in modo da catalogarle e redigere un piano specifico per ognuno.

  • Quali sono i lavoratori esposti ai rischi

Nello stabilire come valutare un rischio sicurezza cerchiamo di capire quali sono i lavoratori maggiormente esposti.

La risposta è molto semplice: tutti. Certamente ognuno per la propria mansione, ma in generale ogni lavoratore (dipendente o datore di lavoro che sia) si espone ai rischi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Dopo aver fatto lo screening, quindi, è opportuno inquadrare quei lavoratori soggetti a specifici rischi e predisporre loro un piano operativo di sicurezza che preveda sempre la partecipazione a dei corsi per lavoratori (a seconda del rischio si classificheranno a rischio basso, medio o grande)

  • Prevenire è meglio che curare

Scontato ma assolutamente vero! La figura del RSPP, Responsabile Sicurezza Prevenzione e Protezione, deve predisporre un piano e una serie di attività da mettere in campo per prevenire qualsiasi rischio possibile.

Gli interventi dovranno essere mirati a seconda del rischio di ogni mansione e sarà anche la figura di rifermento nei confronti degli enti coinvolti nella fase di controllo e verifica

La prevenzione diventa così la migliore arma contro ogni possibile rischio e ogni sforzo fatto in tal senso permette di evitare pericoli per i lavoratori

  • Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)

Dopo aver fatto le dovute analisi e individuato un piano l’azienda deve redigere il DVR, cioè il documento di Valutazione dei Rischi.

Si tratta di un obbligo di legge, definito all’interno del nuovo Testo Unico sulla Sicurezza, contenente tutte le specifiche del piano di sicurezza e coordinamento individuato.

All’interno ci saranno altresì le modalità operative e gli strumenti adottati per la prevenzione e la protezione nel luogo di lavoro

  • Il ruolo della formazione

La formazione ha un ruolo preminente all’interno di un piano di sicurezza. Infatti la legge è stata improntata tutta a rendere edotti i lavoratori sui rischi possibili all’interno del luogo di lavoro. Ad esempio in un cantiere edile ci saranno operai che devono avere frequentato con successo un Corso per addetto ponteggi. La legge inoltre “obbliga” le aziende a dotarsi di un adeguato piano formativo, un piano formativo che deve prevedere anche un aggiornamento corso per lavoratori continuo ed efficace.

Corsi RSPP datore di lavoro, corsi per lavoratori, corsi per rappresentanti dei lavoratori RLS (Rappresentanti dei Lavoratori sulla Sicurezza) entrano così a far parte della vita dell’azienda come elemento necessario per svolgere la propria attività

Come valutare un rischio sicurezza: conclusioni

Chiunque sia responsabile o titolare di un’azienda deve avere bene a mente quello che può accadere in caso di problemi dovuti alla sicurezza sul lavoro, prevenire e formare se stesso e tutti i lavoratori occupati nelle varie mansioni.

Il testo unico sulla sicurezza è un’ottima guida a riguardo e permette di inquadrare al meglio tutti i passi da fare in merito. Il buon senso, in questi casi, non basta. Occorre essere pianificatori previdenti.


Alcuni dei nostri corsi

Corsi sicurezza Datori di Lavoro

Aggiornamento corso RSPP Datore di Lavoro

Corsi per Lavoratori

Corsi per Rappresentanti dei Lavoratori

Corsi per Incaricati Emergenze


Se vuoi seguire tutte le novità metti “Mi Piace” –> FACEBOOK

Approfondimenti
Previous reading
Il formatore sicurezza
Next reading
Aggiornamento Corso Rspp Datore di Lavoro Rischio basso, medio e alto